Regionale sicilia

Prima prova Siciliano Enduro: Talamo si conferma l’uomo da battere. Ricchiari secondo davanti a Bologna

Alessandro Talamo mette tutti in riga nella patria della sabbia e riparte da dove aveva finito. Seconda piazza per il frizzante Domenico Ricchiari che precede l’altro palermitano Marco Bologna

Quest’anno la nostalgia, per gli appassionati di enduro, non ha fatto in tempo ad arrivare.
Si è svolta, infatti, domenica 24 febbraio, poco più di due mesi dopo la conclusione della stagione 2018, la prima prova del campionato siciliano enduro 2019 organizzata dal Motoclub Dello Stretto, del presidente Antonio Romeo, in collaborazione con il Motoclub Messina di Giovanni Musicò.
La gara, valida anche come 1° prova di Campionato Provinciale Enduro Messina, ha visto la partecipazione di ben 214 piloti giunti da tutte le provincie siciliane. Numero importante, anche se inferiore a quello registrato lo scorso anno alla prima di Patti,ma che fa, comunque, ben sperare per il proseguo del Campionato.

Un insolito, quanto gelido, vento di tramontana ha soffiato a più di 40 km/h per tutto il weekend, creando qualche problema agli organizzatori costretti ad eliminare parte del trasferimento su spiaggia a causa di una forte mareggiata.
La gara, diretta da Daniela Bucolo, ha lasciato tutti i partecipanti con il sorriso stampato in volto, grazie ad un trasferimento divertente, lungo una cinquantina di km, e a tre speciali molto tecniche: un cross test sulla spiaggia e due enduro test su greto di torrente.

A trionfare nella città dello stretto è il fresco campione Enduro siciliano Alessandro Talamo. Il pilota del Team Violetti ha imposto la sua supremazia in cinque dei sei enduro test disputati mostrando assoluta costanza nell’insidioso cross test su sabbia di mare. Un trionfo inaspettato dallo stesso Talamo che dimostra, però, quanto sia cresciuto in questi anni il numero 1 del Motoclub Tritone.

A circa 11 secondi di distacco, in seconda posizione, si piazza un frizzante Domenico Ricchiari, sempre più a suo agio sulla nuova Husqvarna 350 dei fratelli Violetti. Ricchiari parte “piano” per poi tuffarsi nella rimonta al secondo posto, ingaggiando una bella battaglia con l’amico Marco Bologna.

Il più veloce dei ragazzi del D’Arpa Racing si accontenta di un terzo gradino del podio che gli va stretto, dopo l’ottimo finale di stagione passata.

Non ancora al 100% il nisseno Eros Doria che, forse a causa del passaggio al 2T, non appare decisivo sopratutto negli enduro test mentre riesce a vincere il primo cross test. Alle spalle del pilota del Team Tumino troviamo il catanese Davide Cutuli passato tra le fila del Motoclub Hobby Motor. Sesta posizione assoluta per Antonio Arcuri da subito competitivo sulla nuova KTM affidatagli dalla concessionaria AMAR.

Esordio assoluto nell’enduro per il crossista Gabriele Oteri che chiude in 7° posizione vincendo due cross test e difendendosi, come possibile, nelle pietre dei torrenti messinesi. Ottava posizione per un sempre veloce Vincenzo D’Angelo che precede l’inossidabile Gaetano Scuderi.
Chiude la TOP10 il ragusano Andrea Giglio, infallibile sulla spiaggia.

 

CLASSIFICHE:

ASSOLUTA

CLASSI

 

L’appuntamento con il Campionato Siciliano Enduro è rimandato al 24 Marzo per la due giorni valida come Trofeo delle Provincie siciliane.

 


Scrivi un commento a questo articolo

GALLERY